Questo sito utilizza i cookies, anche di terze parti, per offrire servizi in linea con le tue preferenze e migliorare la tua esperienza. 
Per acconsentire all'uso dei cookies, chiudere questo banner cliccando sul bottone "Accetto". Se vuoi saperne di più consulta la sezione "Privacy".

Webinar con Laura Calosso: "Chi sono i ragazzi Hikikomori?"

laura20calosso20copertina20per20webinar20wikiscuola_2104481842

Sabato 4 aprile 2020 ore 17

Hikikomori è un termine giapponese che significa “stare in disparte”. Viene utilizzato per definire il ritiro sociale.  Spesso il disagio hikikomori viene confuso con dipendenza da internet, disturbi mentali, depressione o altro ancora.

A ritirarsi sono ragazzi dai 15 ai 29 anni. L’eccessiva pressione sociale è la causa principale del disagio. Gli hikikomori sono ragazzi intelligenti con buona carriera scolastica. Spesso sono impegnati in attività sportive, anche agonistiche. Mediamente, provengono da famiglie di genitori laureati che dai figli si aspettano successi scolastici e professionali.

I ritirati hanno un’estrema sensibilità, ideali etici, interessi differenti dalla massa dei coetanei. Ciò può renderli oggetto di episodi di bullismo che accentuano la  pulsione al ritiro, in cerca di sollievo.
Vivono la propria situazione con sofferenza e senso di colpa. Nonostante questa consapevolezza, il timore di fallire li blocca e impedisce loro di uscire dalla auto reclusione.



Laura Calosso, scrittrice, giornalista e traduttrice, laureata in Scienze Politiche e in Lettere, Culture Moderne Comparate, Letteratura Tedesca. Ha lavorato come giornalista e addetta stampa. La carriera di scrittrice di romanzi è iniziata con una menzione di merito al Premio Calvino, edizione 2008/2009. Collabora con trasmissioni televisive d’inchiesta.